Honda CB500 Four

Ecco, in teoria io nella vita faccio il consulente… Così dicono gli altri, almeno. Insomma incontro clienti che mi domandano un risultato in termini di progetto. Devo applicarmi in attività di studio, analisi, valutazione. Alla fine quel progetto (l’oggetto della consulenza) verrà presentato forte dell’analisi preliminare, dei dati raccolti, di valutazioni oggettive di processi ben conosciuti e della mia esperienza… tutto chiaro?

 

Nel fare questo lavoro la regola numero uno è MAI INNAMORARSI (e neanche odiare…) il vostro cliente: qualunque cosa chieda, anche se può sembrare assurda, merita la massima professionalità.

Visto che da qualche anno faccio moto, questa regola dovrebbe essere valere anche con loro. Se trovo una moto carina, che voglio rinfrescare per regalare ad un amico, la cosa peggiore che posso fare è innamorarmi di lei in corso d’opera. Anche perché le moto sono delle amanti vere: ti innamori e pensi che ti diano molto, tutto… ma stranamente sei sempre tu a pagare il conto!

Insomma, quando vengo a sapere che un tizio a Bologna vende un telaio (immatricolato) di Honda 500 Four, l’idea è quella di realizzare una ulteriore Honda CB 500 Four assemblando quel telaio  con tutti quei pezzi che mi avanzano dai restauri precedenti: mi libero il garage e metto su un’altra moto (poi magari la vendo, la regalo, la presto…). Insomma, niente di romantico, solo un trapianto di organi.


Salto in macchina una domenica mattina, e all’ora di pranzo sono già di ritorno con il mio bel telaio (avete presente com’è fatto il telaio nudo di una moto di quegli anni? Sembra una grossa fioriera da balcone, quelle che permettono di appendere i vasi alla ringhiera).

E poi si comincia: sabbia il telaio, vernicialo, smonta i carter del motore e lucidali, già che ci siamo rifacciamo le fasce dei pistoni, cambia le guarnizioni dei carburatori (ma quando poi li apro cambio anche getti, galleggianti e spilli), e così via.
E ad ogni bullone lucidato, ad ogni pezzetto nuovo che arriva dall’Inghilterra, ogni ricerca fatta su internet per trovare la staffetta che non ho, quella fioriera cresce ad immagine di una moto incredibilmente tua.

 

La cura del dettaglio è il mio forte, e così il progetto cresce lentamente, ma già si capisce che sarà ancora più bella di quella che ho in garage… Quando poi scopro che il modello è un K0 (ovvero la primissima serie) ormai sono cotto.

 

Eccola qua, in tutto il suo splendore, nuova e più giovane amante del mio harem.


VALORE : 6.000 euro.